Con la bici da Malles a Merano: reportage di Reinhard Jakubowski

Le nostre impressioni del nostro tour con la bici lungo l’Adige

Dopo aver riposto le nostre biciclette alla stazione di Merano (area stazione merci) poco prima delle 18.30, constatiamo 2 cose: da una parte abbiamo perso per poco la nostra possibilità di viaggio di ritorno delle 18.16 e dall’altra ci rimane il tempo per una birra fresca per fare un riassunto:

In ogni caso è stata una giornata all’insegna dello sport, qui siamo tutti perfettamente d’accordo! „sì ed anche tranquilla“, trova Nina, „pensate solamente ai viaggi con il treno della Val Venosta!“

Bärbel va in estasi per il cielo blu intenso e per la magnificienza dei colori presenti nel „frutteto Val Venosta“, mentre Michael parla entusiasta delle roccaforti e delle montagne.

Inoltre la nostra escursione era naturalmente ben organizzata; da una parte perché ne rispondevamo noi stessi, ma soprattutto anche grazie alle possibilità della Event Card.

Foto: Reinhard JakubowskiFoto: Reinhard JakubowskiFoto: Reinhard Jakubowski
  • A sinistra: La meta del nostro tour con la bici lungo la pista ciclabile Adige: la stazione di Merano.
  • Al centro: Mentre aspettiamo il treno lasciamo ancora una volta passare in rassegna la nostra escursione in bici: „puro piacere di pedalata, questo è il tour con la bici lungo la Val Venosta!“
  • A destra: Con il treno della Val Venosta si ritorna ai nostri alloggi nei dintorni di Merano.

Bilancio sulla pista ciclabile della Val Venosta

Il nostro bilancio alla fine – ed anche qui eravamo di nuovo tutti d’accordo – è il seguente: Imitazione consigliata; poiché non è un viaggio faticoso dal momento che si tratta complessivamente di un percorso di dislivello di 60 km. di lunghezza.

Michael rimarca le parole conclusive „puro piacere di pedalata, questo è il tour con la bici attraverso la Val Venosta!“

Alle 19.16 il treno della Val Venosta ci riporta da Merano di nuovo a Ciardes che raggiungiamo dopo una lunga giornata ricca di emozioni alle 19.51 un po’ stanchi, ma soddisfatti.

L’Adige ed il suo corso

Con i suoi 415 km. l’Adige è il secondo fiume più lungo d’Italia dopo il Po. Nasce nelle Alpi Ötztaler sulla sella del Passo di Resia (1.525 m), passa attraverso il Lago di Resia ed il Lago San Valentino della Muta e gira verso est lungo la Val Venosta.

Il Passirio s’immette nell’Adige a Merano e presso Bolzano si aggiunge a quest’ultimo l’Isarco. Passando dalla chiusa di Salorno l’Adige abbandona il Sudtirolo.

Infine dietro Verona l’Adige si spinge attraverso una pianura piatta e paludosa divenendo un fiume lento e fangoso e sfocia presso Porto Fossone nel Mare Adriatico.

L’Adige scorre attraverso il Sudtirolo per 220 km. ed è navigabile per 297 km. a partire dall’immissione dell’Isarco, questo per una larghezza che qui è di 78 m. e presso Verona di ca. 120 m.

Testo di Bärbel & Reinhard Jakubowski di Gladbeck. Foto di Reinhard Jakubowski & Michael Banken. L’utilizzo ha luogo dietro gentile autorizzazione degli autori.

I resoconti ed i testi di autori ospiti non riportano necessariamente l’opinione del titolare del mezzo di comunicazione.

Hotels per la Vostra vacanza a Merano

Trascorrete le Vostre vacanze a Merano e godeteVi il flair mediterraneo ed i bei dintorni. Inviate subito una richiesta di prenotazione ad un hotel di Merano e dintorni!

Cultura a Merano

I musei e le roccaforti del Meranese invitano a fare un’escursione a sfondo culturale. Imparate a conoscere più da vicino in questa occasione la storia dell’Alto Adige nonché le tradizioni e la cultura di questa regione.