Alta via di Silandro: reportage di vacanza di Reinhard Jakubowski

Da S. Martino al Monte a Silandro

(Foto: Reinhard Jakubowski)

Il Monte Sole della Val Venosta è ideale per le escursioni in primavera e in autunno.

Si caratterizza per la bella veduta sulla Val Venosta e sulle Alpi dell’Ortles che si trovano di fronte.

Il Monte Sole della Val Venosta in Alto Adige con la sua vegetazione simile alla steppa è adatto soprattutto per trekking in primavera e in tardo autunno.

In estate qui è caldo e soffocante e persino le incantevoli vedute dagli alti sentieri panoramici perdono il loro fascino quando l’escursionista deve combattere tutto il tempo con il caldo.

Mentre nell’altra parte della valle, nel verde Monte di Tramontana, in primavera si trova la neve ancora nei punti più bassi, i sentieri lungo il Monte Sole all’inizio di Aprile sono già percorribili fino a 1.700 o 1.800 metri ampiamente sgombri di neve.

L’Alta via di Silandro è una delle vie panoramiche più belle della Val Venosta ed è in modo particolare a primavera quasi deserta.

Anche se all’inizio il percorso da S. Martino al Monte alle fattorie Egg (stazione di merenda) e Forra porta attraverso una via carreggiabile che all’inizio per un pezzo è asfaltata, le meravigliose vedute in profondità sulla vallata e sui ghiacciai di fronte delle Alpi dell’Ortles ripagano di ciò ogni momento.

Ma il percorso non è nel complesso affatto noioso come erroneamente si potrebbe credere all’inizio, invece al contrario molto vario ed interessante.

Sentieri sui prati e viottoli sulle rocce, fattorie e rovine, sentieri di bosco e stupende vedute caratterizzano questo trekking ricco di scorci lungo il Monte Sole della Val Venosta.

Laces in Val Venosta

Punto di partenza della nostra escursione è Laces (639 m), con molte giornate di sole e poche precipitazioni annue nella bassa Val Venosta. Per i circa 4.500 abitanti la coltivazione della frutta ed il turismo sono i due fattori economici principali.

Il comune di Laces (con S. Martino al Monte) a cui appartengono le frazioni di Coldrano e Morter nonché Tarres, è ricco di cultura.

Inoltre si trovano qui alcune roccaforti e postazioni storiche. Siano citati come esempio solo il trittico di Jörg Lederer nella chiesa ospizio di Laces, la Cappella di S. Stefano a Morter con magnifiche pitture alle pareti ed il centro di cultura e formazione di Castel Coldrano.

Attendere la funivia per S. Martino al Monte

(Foto: Reinhard Jakubowski)

Con la prima discesa della funivia alle ore 7.00 di mattina giunge a Laces il latte fresco dai pascoli alpini.

Abbiamo parcheggiato la nostra auto alla stazione di fondo valle della funivia (direttamente all’ingresso est del paese di Laces venendo dalla direzione di Castelbello alla rotatoria dietro il ponte sull’Adige).

Qui ci sono sufficienti posti auto gratis. Comunque questo non è un problema ora all’inizio della stagione alle 8.55!

Avevamo sperato in un viaggio a richiesta verso le 9.00, ma questo è piuttosto un problema; poiché non sono al momento in vista altri escursionisti che vogliono salire.

Si parte dunque con il prossimo viaggio delle 9.30 come da orario fisso e stiamo seduti perciò dapprima ancora un pò al sole meravigliandoci dei molti bidoni del latte che stanno davanti alla stazione della funivia.

Questi sono arrivati giù alle ore 7.00 con la prima discesa dai pascoli alpini ed aspettano ora di essere ritirati.

Testo di Reinhard Jakubowski di Gladbeck. Foto di Bärbel & Reinhard Jakubowski. L’utilizzo ha luogo dietro gentile autorizzazione degli autori.

I resoconti ed i testi di autori ospiti non riportano necessariamente l’opinione del titolare del mezzo di comunicazione.

Soccorso Alpino Tel. Nr.: 118

Hotels per la Vostra vacanza trekking

Nel nostro elenco di hotels trovate sicuramente l’hotel adatto per la Vostra vacanza trekking a Merano!

Manifestazioni a Merano

Concerti, festivals, esposizioni o corse ippiche – A Merano c’è sempre qualcosa!